LE BORDURE AD INCASTRO IN CORTEN DELIMITANO QUELLO CHE VUOI NEL TUO GIARDINO.


27/10/2022 Categoria: Consigli dall'esperto

Quando i nostri clienti ci chiamano c’è una domanda che poniamo: cosa deve separare la bordura?

Pensate come in un contesto dinamico e in continua evoluzione come un giardino o uno spazio verde, quante esigenze diversificate devono convivere.

In questo post vogliamo partire da questa domanda e suggerirvi anche nuove idee di impiego delle nostre bordure, in modo che la praticità sia al servizio del design per gli esterni. 

Vuoi creare un vialetto che separi il prato dalla ghiaia o da un passo carraio? Oppure avete messo della pacciamatura o del lapillo in un’aiuola ma non volete che finisca nell’erba? Che vi piacciano le linee morbide o linee ben definite, le bordure di Giardineggiando ti permetteranno di realizzare in piena autonomia il tuo progetto.






L’acciaio corten che compone le bordure è un materiale 100% naturale, robusto e resistente ai processi di corrosione. Cosa significa? Significa che le realizzazioni fatte con le bordure in corten di Giardineggiando dureranno negli anni e potranno essere riutilizzate per nuove creazioni. Infatti sono ottime per delimitare pavimentazioni di piastrelle, creare un plateatico per un gazebo o una zona relax. 

Potendo scegliere tra le diverse altezze, spessori e la disponibilità dei picchetti, la bordura in corten può sporgere dal terreno in base alle tue esigenze. Immagina quanto utile potrebbe essere per delimitare piante, aiuole o siepi in presenza di un un robot tagliaerba.

Insomma possiamo tranquillamente affermare che le bordure in corten di Giardineggiando possono separare quello che vuoi all’interno del tuo giardino e consentirti di lavorare in piena sicurezza grazie alla piega superiore anti-taglio e sono semplicissime da unire tra loro per mezzo del sistema d’incastro maschio/femmina.

Vi lasciamo con un video che abbiamo realizzato per spiegare come sono realizzate e come vanno giuntate la bordure in corten di Giardineggiando.




Condividi: